Creative projects 0

In scena al Teatro Carignano di Torino





 

Non sono bravo a spiegare a parole, perché spesso le confondo.
Dunque provo con frammenti. Il primo è di Andrea, Ciommi:

L’Istituto di pratiche teatrali per la cura della persona, dalla primavera del 2017 ad oggi, ha incontrato oltre un migliaio di persone: da operatori sociali a migranti, da psicologi a utenti dei centri di salute mentale, da insegnanti a studenti delle scuole superiori di Torino e del Piemonte.

Di questa circolazione di vite fa parte anche lo spettacolo CUORE/TENEBRA andato in scena al Teatro Carignano dal 22 maggio al 10 giugno 2018.

di Andrea Ciommiento



E’ stato anche questo un viaggio: nella mia stessa città – Torino – nella mia regione, ma pur sempre un viaggio. Ho fatto incontri di persone che non avrei mai conosciuto altrimenti.
Spesso mi son sentito in un paese straniero: ogni giorno parlavamo un linguaggio nuovo, fatto di sguardi, movimenti, azioni.

 

 

 

In questo percorso ci stiamo tutti un po’ più avvicinando, questo percorso, oltre a portarci su un palcoscenico, ci fa scoprire tra di noi le nostre debolezze, ed ogni giorno che passa ce ne rendiamo sempre più conto. E posso dire a questo punto che si, sto diventando davvero più consapevole di me stessa e di chi mi sta attorno, per consapevolezza intendo che ora se sto facendo una cosa, sono li non solo con il corpo, ma anche con la mente, sono nel momento. In poche parole, adoro questo percorso.

dal diario di Divine, Ist. Boselli
Clicca qui per leggere il diario completo

 

 

dal diario di Linda, Liceo Primo

 

 

Con voi ho potuto “ululare alla luna”: cercare un varco per i miei sogni, identificare più lucidamente le mie emozioni, scavalcare le rigidità del mio ruolo, provare a riempire i miei vuoti, tastando anche gli spigoli acuti della mia inadeguatezza, come direbbe Ungaretti, “ardere d’ inconsapevolezza” e, sciogliendo almeno in parte i nodi del mio arruffato cuore, riconciliarmi con il mio sacro poco. Ringrazio tutti voi che avete reso possibile ciò, ringrazio me per aver saputo accogliere questo turbinio di eventi con un briciolo di sconsideratezza, ringrazio i miei cuccioli d’ uomo, che si sono fidati e affidati.

dal diario della prof.ssa D’Arminio, Liceo Gobetti
Clicca qui per leggere il diario completo

 

 




Video a cura di Simone Rosset

 

Grazie a tutti voi ragazzi per questo viaggio fatto insieme.
Spero che vi sia rimasto, come a me, qualche pensiero, un’idea, un istinto o un’intuizione nuova.
A presto

 

 

You Might Also Like

Lascia una recensione

avatar

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

  Subscribe  
Notificami